Crea sito
In Recensioni

GDL di Valentina e Giulia – L’ombra del vento di Carlos Ruis Zafòn

I libri sono specchi: riflettono ciò che abbiamo dentro.

Carlos Ruis Zafon

Riprendere in mano e recensire “L’ombra del vento” è pura emozione per me. “L’ombra del vento” è Il Libro che mi ha fatto avvicinare in modo potente al mondo della lettura.

Quando mi sono imbattuta nella storie di Instagram di Giulia e Valentina che riguardavano la creazione di un gruppo di lettura per i libri di Zafòn, ho sentito un tuffo al cuore. Non potevo non parteciparvi.

Immaginate una ragazzina di dodici anni che va in biblioteca per la prima volta e nella ricerca tra migliaia di volumi sente il richiamo per questo romanzo e, proprio come Daniel, il protagonista di questo libro, la Marina di quel tempo viene rapita dalla storia fin dalle prime pagine.

Ora cerco di spiegarvi il perchè.

Trama

L’ombra del vento

Una mattina del 1945 il proprietario di un modesto negozio di libri usati conduce il figlio undicenne, Daniel, nel cuore della città vecchia di Barcellona al Cimitero dei Libri Dimenticati, un luogo in cui migliaia di libri di cui il tempo ha cancellato il ricordo, vengono sottratti all’oblio. Qui Daniel entra in possesso del libro “maledetto” che cambierà il corso della sua vita, introducendolo in un labirinto di intrighi legati alla figura del suo autore e da tempo sepolti nell’anima oscura della città. Un romanzo in cui i bagliori di un passato inquietante si riverberano sul presente del giovane protagonista, in una Barcellona dalla duplice identità: quella ricca ed elegante degli ultimi splendori del Modernismo e quella cupa del dopoguerra.

“Ogni libro possiede un’anima, l’anima di chi lo ha scritto e di coloro che lo hanno letto, di chi ha vissuto e di chi ha sognato grazie ad esso.”

Carlos Ruis Zafon

Recensione

Daniel E Julian: due storie a confronto

Daniel vive in una Barcellona degli anni 40 insieme al padre, ed è un ragazzino di undici anni quando scopre “L’ombra del vento” scritto da Julian Carax nel Cimitero dei libri dimenticati.

Foto di Peter H da Pixabay

Finito di leggere, il nostro protagonista rimane talmente folgorato dal libro che cerca in tutti i modi di rintracciare altre opere di Carax, ma viene prontamente ostacolato da un uomo senza volto che si fa chiamare Lain Curbert e dall’ispettore Fumero.

L’ombra del vento racconta due storie: da una parte quella di Daniel, di Fermin e di Bea mentre dall’altra quella di Julian, Jeorge e Penelope.

Leggendo il libro, si trovano senza ombra di dubbio dei parallelismi tra le due storie: entrambe parlano di un amore ostacolato che cerca in tutti i modi di uscire alla luce del sole, raccontano la paura nei confronti di un destino che sembra non dar tregua a nessuno dei due protagonisti.

I personaggi

Sono talmente affezionata a Daniel, a Fermin, a Bea, a Julian e tutti i personaggi che riesco trovare quasi degli amici in un ognuno di loro.

Nel libro, Daniel è il protagonista e si assiste in modo completo alla crescita di questo personaggio: questo ragazzino che ha paura della vita dopo aver perso sua madre da piccolo, si ritrova a dover affrontare se stesso e i suoi dubbi per salvare l’amore per Bea.

Fermin, il barbone salvato da Daniel, diventa il miglior amico che si possa avere: questo uomo racchiude l’intelligenza, il coraggio e la stima che dovremmo aver in ognuno di noi.

Ma una delle figure che ha catturato la mia attenzione durante la lettura è stata Sofie Carax, la madre di Julian. Questa donna vive in un amore mai cominciato e si lascia trasportare dagli eventi, che porteranno a tutta la nostra storia. Lei, conscia di tutto fin dall’inizio, vuole proteggere Julian dal dolore della verità, cosa che farebbe ogni madre. Cerca di farlo scappare a Parigi quando la situazione precipita e evita di farlo entrare nell’esercito.

Sofie ha pensato a una sola cosa per tutto il tempo: proteggere suo figlio. L’amore dovrebbe fare questo sempre: curare il bene dell’altro e volere la sua felicità.

Cosa ne penso?

Zafòn è un maestro nel creare un mondo per queste storie che sono legate dall’amore, ma anche dalle bugie, dal destino ma soprattutto dalle scelte fatte che portano i protagonisti a combattere per la loro vita.

Ti viene quasi voglia di visitare Barcellona di quel tempo per ripercorrere tutte le strade, per scoprire e conoscere la villa dell’angelo e magari scoprire se c’è ancora Julian che ci aspetta.

Come si fa a recensire un libro che non è altro che un pezzo del tuo cuore?

La storia di Daniel riuscirà a entrarvi dritta nei cuori, vi verrà quasi voglia di lottare assieme a lui affinché tutta la verità esca fuori a galla, che vinca l’amore e almeno una volta nella vita mangiare un buon pasto caldo con il vecchio Fermin o semplicemente entrare nella libreria di Sampere e figli.

Questo libro lo consiglio vivamente, perché è scritto in maniera magistrale e racconta una storia che non è la semplice favola d’amore che tutti si aspettano, ma che anzi, fa capire che bisogna combattere per tenersi stretto l’Amore, perché come dice il nostro amico Fermin: ‘Ci sono due o tre ragioni per cui vivere, il resto è letame.’ Se anche voi, avete una persona che combatte per voi, allora siete veramente fortunati.

Link utili